Vigneto Brunate


Il nome originario e il più comune per definire queste vigne di La Morra è Brinate, con un'estensione di 25 ettari corrispondenti a quasi 60 giornate piemontesi magnificamente esposte a sud.


La minor dotazione in sabbia conferisce profumi meno intensi, in cui sono evidenti note fruttate e speziate di chiodi di garofano, cannella e noce moscata. Con la maturazione del vino, la struttura del terreno più fine concorre a conferire note di tabacco, rosa e liquirizia e nelle grandi annate evidenzia al naso note di tartufo e di goudron. Alcalinità e dotazione elevata in calcio conferiscono un tocco di finezza ed eleganza. Infine la presenza elevata in limo ed argilla, con microelementi, potassio e magnesio, infondono un colore meno intenso e vivo, ma concentrazioni polifenoliche notevoli.


Il Barolo delle Brunate può definirsi dunque un vino particolarmente equilibrato tra la componente olfattiva ampia, intensa ed avvolgente e la componente strutturale, dotata di un corpo generoso, tannico e di buona alcolicità.


Caratteristiche tecniche

Comune: La Morra
Superficie totale della sottozona: 25 ha
Superficie in conduzione: 0,63 ha
Altezza media: 300 m s.l.m.
Esposizione: sud
Terreno: 25% sabbia, 45% limo e 30% di argilla
Particolarità: la minor dotazione in sabbia conferisce al Barolo di Brunate profumi meno intensi, in cui sono evidenti note fruttate e speziate di chiodi di garofano, cannella e noce moscata.
Anno d'impianto: 1980